Le Journal du Net - 8 aprile 2005 -

http://www.journaldunet.com/0504/050408ned.shtml

La Nouvelle Epicerie à Domicile, dal Minitel al Web

Piccolo pollice dei cybermercati, Ned è un minimarket virtuale che ha seminato le sue pietre anche fuori dai confini.

Gli acquisti su Internet attirano sempre più consumatori e stuzzicano l'appetito della grande distribuzione alimentare. In questo mercato sempre più competitivo, dove sono ormai presenti Carrefour, Auchan, Cora, Galeries Lafayette e recentemente Intermarché, solo i brand virtuali posizionati in nicchie riescono a trovare posto per se stessi. È il caso, ad esempio, di Natoora. Tuttavia, accanto ai giganti della distribuzione e a questi specialisti, ci sono ancora giocatori come la Nouvelle Epicerie à Domicile. Proveniente da Minitel, questa piccolissima impresa genera la maggior parte del suo fatturato con clienti provenienti da aziende parigine e da esportazioni.

La Nouvelle Epicerie à Domicile (NED), un sito commerciale che offre principalmente prodotti alimentari, esiste dal 1987. Il suo fondatore, Michel Briot, un ingegnere di formazione, ha avuto l'idea di lanciarsi nella vendita a distanza all'epoca del Minitel . Quindi allestisce il suo reparto, poi lo completa con un catalogo cartaceo e ordini via fax e telefono. Prima confinato a Marne la Vallée, ha esteso le consegne a Parigi e nella regione parigina. Nel 1998 ha creato un sito web interno su Internet e nel 1999 ha deciso di aprire il suo primo negozio online.

L'azienda, che ora impiega sette persone, è un puro prodotto di nuove tecnologie di comunicazione. In nessun momento le vendite online sono state un complemento a un negozio fisico. NED riceve le sue forniture quotidiane da due grossisti e immagazzina solo una parte dei prodotti venduti nel suo magazzino di Bussy Saint Georges. Il sito offre ora più di 4.000 referenze, pari a Intermarche.fr.

Ovviamente le ambizioni non sono le stesse. Il sito vanta 300 clienti attivi e nel 2004 ha raggiunto un fatturato di 600.000 euro. Ma la redditività c'è. "I nostri margini sono molto bassi, ma il risultato è stato positivo per molto tempo", dice il manager. I clienti del negozio di alimentari cercano soprattutto un servizio che considerano migliore rispetto ai grandi mercati elettronici. "Siamo più cari della concorrenza, ma con noi gli internauti trovano interlocutori che conoscono e una vicinanza che altrove non hanno", indica Michel Briot. Le aziende rappresentano il 30% del fatturato, proprio come l'esportazione.

Di conseguenza, i clienti di NED sono fedeli poiché ordinano regolarmente per una media di 150 euro. Un paniere per il quale la drogheria online non ha nulla di cui vergognarsi poiché rientra nella media dei grandi cybermercati (vedi i dati chiave dei principali player francesi). Questo importo relativamente conveniente consente inoltre di offrire costi di consegna a tutti gli utenti Internet che vivono a Parigi e 80 città della periferia parigina effettuando un ordine di almeno 90 euro. Quest'area viene fornita direttamente da NED. Per le altre città situate in un raggio di 150 chilometri intorno a Parigi, gli ordini devono comunque essere superiori a 300 euro e le spese di consegna variano da 15 a 35 euro. Il negozio di alimentari online serve anche la provincia e l'estero. Ma, in questi due casi, l'offerta è limitata a 2.200 referenze e NED delega la consegna all'ufficio postale e UPS.

Nella regione parigina, la clientela dei singoli è piuttosto familiare. Ma questo segmento non è il più dinamico. Per NED la crescita arriva principalmente dalle aziende, che già rappresentano il 30% del fatturato. Questi includono studi legali, banche o liberi professionisti che utilizzano il negozio di alimentari per i prodotti alimentari di base, come acqua, caffè e biscotti.

NED è attiva anche nell'export dal 2001, mentre i prodotti del negozio non hanno specificità regionale. Ancora più sorprendentemente, mentre il sito vende molto tè a livello internazionale, il vino non ha successo. Cosa cercano i clienti stranieri? "In generale, si tratta di persone che sono venute in Francia e che ne hanno conservato bei ricordi", spiega Michel Briot. I prodotti che cercano sono abbastanza classici, vogliono trovare ciò che hanno consumato lì ". L'export rappresenta tra il 25 e il 30% del fatturato di NED. La Germania rappresenta il 50% degli ordini. Il Regno Unito e gli Stati Uniti sono gli altri due paesi generatori di reddito.

Traffico che il sito deve principalmente a link sponsorizzati sui motori di ricerca, ma anche alla pubblicità sui giornali e alla newsletter mensile. Tanti strumenti che portano al sito 31.000 visite al mese secondo il suo fondatore. Raphaële KARAYAN, JDN

Copyright 2002 Benchmark Group - 4, rue Diderot 92156 Suresnes Cedex, FRANCIA




Corrispondenza del commercio elettronico - 6 novembre 2000 -

Euro-ned.com: il droghiere è dietro l'angolo del web

È il piccolo sfidante dei grandi supermercati online, storico concorrente di Tememarket. Creato nel 1987 sullo stesso modello di quest'ultimo, Euro-Ned è entrato in Internet tre anni fa. "Internet è stata una naturale estensione delle nostre attività di telefonia e fax", spiega Michel Briot, manager di questo originale negozio di alimentari. Lavoriamo con i grossisti cash & carry, principalmente Metro France, e siamo un po 'più costosi di un ipermercato (tra il 15% e il 20%). Ma soprattutto offriamo un servizio di qualità, con consegne complete e sempre negli orari richiesti. Conosciamo molto bene le nostre poche centinaia di clienti, che sono molto fedeli. »Con 4000 prodotti referenziati e un fatturato annuo di 3 milioni di franchi, Euro-ned è riuscita a trovare una nicchia commerciale molto mirata. “I grandi supermercati online hanno creato il mercato con i loro massicci mezzi di comunicazione e abbiamo catturato i clienti che erano delusi dai loro fallimenti di avvio. Quest'anno abbiamo registrato una crescita del 50% e Internet rappresenta già il 30% della nostra attività. »Entusiasta questo nuovo tipo di droghiere. Coprendo Parigi e la sua regione e garantendo le consegne stesse, l'azienda garantisce la qualità del servizio. "Nelle nostre scatole abbiamo l'idea di riorganizzarci con i commercianti nel resto della Francia".


the Nouvel Observateur - 9 settembre 1999 -

"Computer" amore mio - Michel, il droghiere imprenditoriale

"Stavamo aspettando che il mercato decollasse, ecco!" Michel Briot, 43 anni, ha lasciato L'Oréal nel 1987 per aprire un negozio di alimentari virtuale che consegnava ordini telefonici alle case. Dal novembre 1998, gli ordini possono essere ordinati sul suo sito. È il graduale rovesciamento della situazione economica che ha deciso di puntare sul digitale. "Da quando il prezzo dei computer e degli abbonamenti è diminuito, la nostra clientela è diventata più democratica. E quindi si è espansa". Attualmente, i profitti dell'azienda stanno aumentando del 10%. "Assumerò di nuovo, rinnoverò la mia attrezzatura e continuerò a sviluppare le vendite nei paesi europei".
Aurélie Gaudefroy .